4 passi per Monza

Ci capita spesso nei momenti in cui per un motivo o per un altro non riusciamo a viaggiare, di sentire la mancanza del viaggio in sé. La mancanza di esplorare, vedere, scoprire. La mancanza di camminare per un luogo nuovo, con la macchina fotografica a portata di mano, pronti a scovare ogni più piccolo angolo, ogni meraviglia che un posto nasconde. E così, nei momenti sedentari, ci piace andare alla scoperta dei luoghi vicino casa, con gli stessi occhi con cui guardiamo i luoghi più lontani.

Monza è una cittadina vicino Milano, non è molto lontano da casa nostra, ed è il luogo perfetto se si desidera passare un pomeriggio diverso dal solito, per molte ragioni. La prima di queste motivazioni è che si tratta di una cittadina in cui è davvero piacevole passeggiare: noi siamo arrivati direttamente nel centro storico, formato da strade lastricate e per lo più pedonali. Abbiamo iniziato a camminare per le vie che, complice il bel tempo ed il sole che inizia a scaldare, erano popolate da un bel via vai. Tra i vari negozietti, bar e fornai, ti imbatti quasi per caso nel Duomo di Monza. La città ed il suo Duomo sono strettamente legati ad una figura storica che scelse Monza come residenza estiva: Teodolinda, regina dei Longobardi. Fu proprio lei che fondò la basilica che nel corso dei secoli fu trasformata nel Duomo che conosciamo, e alla sua morte fu seppellita proprio al suo interno. Accanto all’altare oggi si trova la cappella di Teodolinda dove è conservata anche la corona ferrea. Non si tratta solo della corona utilizzata da numerosi Re del passato quali Carlo Magno o Napoleone, ma è anche considerata un’importante reliquia religiosa in quanto si dice che al suo interno sia incorporato uno dei chiodi utilizzati per la crocefissione.

52609087_584102472052295_1033336730184318976_n

Purtroppo ultimamente la facciata del Duomo è soggetta a restauro ed era dunque completamente coperta, l’interno invece merita sicuramente una visita.

Una volta usciti dal Duomo ci siamo diretti ai piedi dell’Arengario, edificio storico comunale della città, che insieme alla basilica costituiva il centro politico e religioso della città.

La passeggiata è proseguita poi superando la Chiesa di San Pietro Martire, in direzione della Villa Reale. L’ingresso è sontuoso e la reggia è davvero bella e luminosa. La costruzione risale al 1700 per volere dell’imperatrice d’Austria che la edificò come residenza estiva del figlio. Monza venne scelta in quanto era considerata una zona più di “campagna” e con l’aria più salubre, ma era anche un punto importante nella strada tra Milano e Vienna. La residenza effettivamente ci ha subito ricordato molto il palazzo di Schönbrunn, anche se molto più piccola, oggi ospita al suo interno alcune mostre ed esposizioni.

 

52373541_378932246220692_834047193928171520_n

52358953_311817749530287_6805473219219292160_n

Sul retro della Villa troviamo i giardini reali, ed una volta superati quelli, c’è l’immenso parco di Monza. Il parco è tra i più grandi d’Europa e ospita al suo interno numerosi punti d’interesse oltre all’autodromo di Monza. Potete trovare diverse cascine, mulini, laghetti, ma ciò che più di tutto ci ha incuriosito è una particolare installazione che si trova in mezzo ad un campo. Si tratta di un tavolo ed una sedia giganti, la sedia raggiunge i 10 metri di altezza, opera dell’artista Giancarlo Neri. Questa installazione è stata precedentemente esposta sia a Londra che a Roma, ma si trova nel parco di Monza già dal 2005. L’intenzione dell’artista era quella di rappresentare la solitudine dello scrittore che è solo alla sua scrivania mentre scrive. In effetti la sensazione che si prova è molto strana, ci siamo sentiti piccoli piccoli di fronte a questa enorme scultura, circondati da una natura senza confini.

 

 

52344336_2066569403634664_6827865585267769344_n

 

Il parco è veramente immenso ed è il luogo ideale dove passeggiare, fare jogging, fare un pic nic o ciò che più vi piace. Per noi Monza è stata semplicemente una bella scoperta.

Consigli

L’entrata al Duomo è gratuita, ma per poter visitare la cappella di Teodolinda è necessario prenotarla in anticipo, inoltre è una visita necessariamente guidata.

Purtroppo non è ancora chiaro quando termineranno i lavori di restauro, quindi toccherà attendere ancora prima di poter ammirare la sua facciata.

Le visite alla Villa Reale permettono di ammirare gli appartamenti reali e privati, potete trovare ogni informazione su villarealedimonza.it

Il parco è veramente immenso e se desiderate raggiungere un posto in particolare, o fare un giro diverso da una semplice passeggiata, vi converrà avere una bicicletta.

 

Ricordatevi di seguirci sulla nostra pagina Instagram che trovate come Thetraveltrouble

Welcome Trouble,

Francy e Ste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close