Al Rifugio Antonio Curó

Si sa, l’aria di montagna é un tocca sana per il corpo e per la mente, sopratutto dopo tutti questi mesi di lockdown, di vacanze rimandate e di stress accumulato. In questo articolo vogliamo parlarvi del trekking intrapreso la settimana scorsa per raggiungere il famoso rifugio Antonio Curó.

Partenza

Il sentiero che porta al Rifugio Curó parte dalla frazione Beltrame di Valbondione in provincia di Bergamo. Potrete parcheggiare vicino al centro sportivo del paese.

Il Sentiero

Ricordatevi sempre di controllare i cartelli alla base del sentiero per sapere se i vari rifugi sono aperti oppure chiusi. Il percorso che dovrete intraprendere è il 305 e la durata per il Curó sarà all’incirca di 2 ore e mezza/ 3.

– Il primo tratto del percorso si inoltra nel bosco, già da subito la pendenza del sentiero può risultare faticosa per chi non è abituato, la nota positiva viene dall’ombra e dalla frescura degli alberi.

– Proseguendo in lontananza noterete la bellezza delle cascate del Serio, che vi faranno compagnia durante gran parte del sentiero.

– Una volta che il bosco inizierà a diradarsi, vi imbatterete nella stazione della teleferica, utilizzata da anni per portare i viveri al rifugio.

– Inizia da qui una faticosa salita nella vallata sotto il sole, la strada sterrata si trasformerà in una mulattiera complicando di gran lunga il percorso, ci saranno numerosi tornanti da imboccare, ma il panorama diventerà sempre più impagabile.

– L’ultimo tratto prosegue scavato nella roccia, é il più particolare ma anche il più bello, da qui si ha una vista a 360 gradi sulla vallata e il sentiero scavato nel monte Verme é qualcosa di indescrivibile.

Rifugio Antonio Curó

Arrivati al rifugio non vedrete l’ora di rilassarvi davanti al lago del Barbellino, questo posto si trova nel cuore del Parco delle Orobie. É uno dei posti più frequentati dai turisti e dagli sportivi, il percorso di tre ore non è per nulla semplice ma vi offrirà scorci splendidi, ed una meta magica. Al rifugio si può pranzare con grandi taglieri e piatti bergamaschi e si può anche dormire, in quanto la struttura dispone di ben 92 posti letto. Controllate sempre sul sito le date di apertura.

Nelle vicinanze del rifugio troverete la famosa spada nella roccia, non perdete l’occasione di scattare qualche foto!!

Consigli pratici

Cercate di intraprendere il sentiero di prima mattina perché il tratto nella vallata, sotto il sole di mezzogiorno é davvero difficoltoso.

Prima dei tornanti troverete la possibilità di scegliere fra due strade, noi vi consigliamo la panoramica in quanto l’altra é un sentiero stretto, con un alta pendenza, e dovrete essere muniti di scarpe apposite e di buone doti fisiche perchè non è semplicissimo.

Se siete curiosi e volete sapere altro scriveteci pure e non dimenticatevi di passare sulla nostra pagina Instagram.

Welcome Troubles

Francy & Ste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close