L’allegria di Playa del Carmen

Avete mai sognato almeno una volta nella vita, di svegliarvi una mattina, alzarvi dal letto, scostare lievemente la tenda e trovarvi incantati di fronte ad una spiaggia paradisiaca ed un mare cristallino? Un luogo così esiste, e si chiama Playa del Carmen.

007

Siamo partiti per Playa del Carmen, cittadina Messicana situata nello Yucatan, una mattina del Novembre 2015. Dopo esserci documentati ed esserci rivolti alla nostra agenzia di fiducia, abbiamo scelto questa destinazione per la sua posizione strategica.  Playa del Carmen è la meta più indicata se si vuole godere dello splendido mar dei Caraibi, dei siti storici ed archeologici, e se si vuole approfittare anche della scoppiettante movida messicana. Il volo è stato davvero lungo, ma dopo 14 ore finalmente siamo atterrati a Cancùn. Qui abbiamo preso una navetta precedentemente prenotata tramite agenzia, per dirigerci al nostro hotel. Ci sono comunque diversi mezzi per chi atterra in questo aeroporto e non ha prenotato un trasferimento dall’Italia: potete prendere un taxi, che è però l’alternativa più costosa, oppure un autobus di linea che parte direttamente dal terminal o ancora un autobus collettivo, che è sicuramente la scelta più economica. La nostra sistemazione era in un resort internazionale proprio a Playa del Carmen, situato a soli 5 minuti di taxi dalla via più famosa della cittadina: la Quinta Avenida.

La Quinta Avenida è una via parallela alla spiaggia ed è il centro della vita di Playa del Carmen. Questa infatti è considerata la via dello shopping, con tipici negozi messicani ma anche grandi catene d’abbigliamento americane, ma è anche ricca di ristoranti, hotel, negozi di souvenir e locali. Inoltre la Quinta Avenida interseca alla 12 calle la via della movida: un susseguirsi di locali, discoteche e bar per tutti i gusti. Insomma la Quinta Avenida è una strada davvero eclettica, dove puoi davvero trovare quello che stai cercando, qualsiasi cosa esso sia. Noi ci abbiamo trascorso davvero molte serate tra shopping, schiuma party sulla spiaggia, serate in discoteca e massaggi ai piedi fatti da pesciolini.

Escursioni
In tutta Playa del Carmen ci sono centri per l’organizzazione di tour ed escursioni, e gli stessi resort ne offrono una svariata quantità. Noi abbiamo scelto di non acquistare le escursioni che proponeva il nostro resort, in quanto meno economiche, e ci siamo rivolti ad una ragazza italiana che vive in Messico ed organizza svariati tour ( ci era stata consigliata da una coppia che alloggiava nel nostro stesso hotel).

1.I siti archeologici di Tulum, Cobà e Chichén Itza sono sicuramente tra le principali attrazioni dello Yucatan. C’è moltissimo da dire a riguardo ed abbiamo approfondito questo argomento in un post precedente Sulle orme dei Maya

2.Per chi non lo sapesse, sul territorio Messicano si trovano un numero incredibile di cenotes. Si tratta di cavità nel terreno, grotte sotterranee e veri e propri fiumi di acqua dolce sotto la superficie, tutti collegati tra loro per moltissimi kilometri. Nello Yucatan, a causa della porosità del terreno, non esistono fiumi superficiali, ma tutta l’acqua dolce si concentra in fiumi sotterranei ed emerge in superficie solo nei cenotes. Da Playa del Carmen partono numerosi tour di una giornata, e qualsiasi taxi vi può portare in uno di questi cenotes. Alcuni sono davvero famosi, ma la scelta è talmente ampia che forse puntare solo su quelli più popolari è uno spreco.

3.Un’escursione che ci sentiamo di consigliare è quella ad Isla Mujeres ed Isla Contoy. Siamo partiti il mattino presto per raggiungere Cancùn in autobus, e da qui, abbiamo preso una barca verso Isla Contoy. Durante il tragitto abbiamo fatto una sosta per fare snorkeling al largo di Cancùn. Il viaggio è poi proseguito per più di un’ora verso l’isola. L’acqua è davvero una delle più belle che io abbia mai visto, l’isola è incontaminata, non è possibile fumare o spalmarsi di crema protettiva una volta che ci si trova sulla sua spiaggia. Non c’è nessun abitante, ma Contoy è popolata da numerosissimi animali come iguane, rettili e paguri che si trovano in ogni angolo. Facendo il bagno sulla riva abbiamo potuto facilmente avvistare una razza che nuotava tranquilla tra noi. Le stesse guide che ci hanno condotto sull’isola ci hanno preparato un semplice ma gustoso pranzo a base di pesce,riso, verdura e frutta. Nel pomeriggio abbiamo lasciato l’isola per tornare a Cancùn e durante il tragitto abbiamo fatto una breve sosta a Isla Mujeres. L’isola è carina, il centro è trafficato e con molti negozietti, vi consigliamo di non perdervi Playa Norte.

060
Snorkeling a Cancùn
062
Isla Contoy

4.L’ultima escursione di cui vogliamo parlarvi è quella alla biosfera di Sian K’han. Si tratta di un’escursione molto divertente in quanto parte con un tour su un fuoristrada che potete guidare voi, all’interno della riserva naturale. Dopo circa un’ora tra curve e scossoni, siamo saliti a bordo di una lancia, con la quale siamo partiti alla ricerca di vari uccelli e specie marine, per poi concludere la giornata approdando in una fantastica laguna blu dall’acqua trasparente.

 

071
Biosfera di Sian K’han

 

 

070 (2).JPG
Laguna di Sian K’han

 

 

Consigli

Noi abbiamo soggiornato al Viva Wyndham Maya, si tratta di un resort internazionale dotato di un bar sempre aperto e 5 ristoranti alla carta compresi nel prezzo. In aggiunta ci sono altri ristoranti alla carta presente nel resort gemello che si trova al lato, il Viva Azteca. Ve li consigliamo, ci siamo trovati molto bene e le camere sono davvero spaziose e pulite.

La ragazza a cui ci siamo affidati per le nostre escursioni è Katia, potete trovarla alla pagina Facebook “Le escursioni di Katia tours”.

La Riviera Maya ha un clima tropicale e caldo tutto l’anno. Il periodo migliore per organizzare un viaggio va da Novembre a Febbraio quando il clima è più secco e fresco.

Per quanto riguarda le discoteche che potete trovare a Playa del Carmen ce n’è davvero per tutti i gusti: dal famosissimo Coco Bongo, che però non è molto economico, al Blue Parrot, il nostro preferito, che organizza spesso schiuma party molto divertenti.

Su ogni spiaggia, di fronte ai vari resort, ci sono centri diving e di altri sport acquatici che organizzano immersioni ed altre attività. Noi abbiamo provato il parasailing e ci è piaciuto moltissimo.

 

003
Parasailing a Playa del Carmen

 

Buon viaggio e

Welcome Troubles

Ste e Francy

Sulle orme dei Maya

Oggi vogliamo portarvi in un’avventura oltre oceano, tra fitte giungle, grotte sotterranee e possenti rovine secolari. Stiamo parlando della celebre rovina Maya. La riviera Maya si trova nella penisola dello Yucatan in Messico, per esattezza la possiamo collocare nello stato del Quintana Roo. La nostra vacanza in questa splendida terra è iniziata il 10 Novembre 2015, nei seguenti quindici giorni abbiamo deciso di ripercorrere il più possibile ciò che rimaneva dell’antica civiltà Maya. In quest’articolo vogliamo consigliarvi principalmete i siti archeologici e le escursioni che non potete assolutamente perdervi, se avete la fortuna di visitare la penisola messicana, e se soggiornate come noi nei pressi di Playa del Carmen. Se volete saperne di più su questa cittadina, cliccate su L’allegria di Playa del Carmen.

 

005.JPG
Playa del Carmen

 

1. Sito archeologico di Tulum

Il complesso archeologico di Tulum dista all’incirca un’ora di macchina da Playa del Carmen. Noi per raggiungerlo abbiamo utilizzato un “colectivos”, piccolo pullmino molto spartano, che al prezzo di quattro euro a testa ci ha portato sino al sito archeologico, facendo diverse fermate lungo la tratta. Un altro mezzo efficace per raggiungere Tulum sono i bus di linea che hanno un costo leggermente superiore, anche se noi abbiamo preferito il colectivos per non essere legati agli orari del bus ed essere più liberi di esplorare la zona. L’ingresso alle rovine costa pochi euro, per questo motivo vi sconsigliamo di prenotare un escursione quando con meno di venti euro puoi organizzarti l’esperienza da solo. Le rovine di Tulum si trovano su una scogliera che si affaccia sullo splendido mar dei Caraibi. Visitato l’intero sito archeologico tra palme, luoghi sacri ed iguane, potete concedervi una pausa nella piccola lingua di sabbia bianca sottostante, si presenterà ai vostri occhi un vero e proprio scenario da cartolina.

 

011.jpg
Rovine di Tulum

 

 

La spiaggetta di Tulum è meravigliosa ma può essere un pò affollata, se come noi preferite avere spazi aperti e poca gente intorno, vi consigliamo Playa Zazil Kin, che dista dal sito archeologico soli 10 minuti di taxi. Qui abbiamo pranzato, spendendo pochissimo, in un chiosco sulla spiaggia e abbiamo poi affittato un escursione in barca al prezzo di 15 euro, per goderci la vista delle rovine anche dal mare. Sulla barca un ragazzo del posto ci ha fatto da guida, spiegandoci alcune curiosità riguardo Tulum, peccato solo che quel giorno il mare fosse mosso e io ho constatato di soffrire di mal di mare. Una volta conclusa la spiegazione della guida, la barca ci ha condotto in mare aperto dove abbiamo potuto fare snorkelig.

012
Playa Zazil Kin
000
Playa Zazil Ki

 

2. Sito archeologico di Cobà

Il complesso archeologico di Cobà dista all’incirca un’ora e mezza da Playa del Carmen e vista la distanza, ci siamo appoggiati ad un tour in loco per fare quest’escursione. In ogni caso c’è la possibiltà di utilizzare taxi o colectivos per raggiungere il sito. Sulla strada per le rovine, abbiamo fatto alcune tappe nella giungla e passato una vera e propria mattinata adrenalinica, all’insegna di lanci estremi in zip line, guide spericolate in quad su strade sterrate, ed infine una lunga nuotata in un cenote sotterraneo. Di solito le escursioni alle rovine sono venduti in differenti pacchetti (potete acquistarli sia all’interno dei resort, che a Playa del Carmen) e questi comprendono la visita associata a diverse attività, noi abbiamo scelto quelle più adrenaliniche, ma si possono trovare attività diverse per tutti i gusti.

 

 

Il sito di Cobà è davvero molto vasto, noi abbiamo affittato una bicicletta e ci siamo mossi così seguendo la guida (anch’essa in bici) per soli 150 pesos. Un’alternativa per i più volenterosi è quella di camminare, il tragitto è completamente all’ombra ma vi occorrerà più tempo per visitare tutto. Se invece non volete assolutemente faticare, potete affittare un risciò con tanto di autista che pedali per voi. Il punto più famoso delle rovine di Cobà è rappresentato dalla piramide di Nohoch Mul, che si staglia per quarantadue metri, e sulla quale è possibile arrampicarsi, diversamente dagli altri siti archeologici. Ad attendervi ci sono 120 gradoni, la fatica della salita sarà ripagata dalla vista su una giungla sconfinata.

 

030.JPG
Piramide di Nohoch Mul
031.JPG
Piramide di Nohoch Mul

 

 

3. Sito archeologico di Chichén Itzà

Chichén Itza è la più distante tra le rovine che abbiamo visitato e per raggiungerle da Playa del Carmen ci vogliono circa due ore. Anche in questo caso ci siamo rivolti ad un tour operator locale per organizzare l’escursione che comprendeva due diverse tappe prima della visita al sito archeologico. Molti tour associano la visita ad un cenote, ma ce ne sono davvero moltissimi, quello che abbiamo visitato noi era un cenote totalmente sotterraneo, illuminato solo da un foro sull’altissimo soffitto. Dopo un bagno nel cenote siamo partiti in pullman verso la città coloniale di Valladolid. Si tratta di una città davvero pittoresca, dove potete trovare diverse chiese di epoca coloniale, la più importante è la cattedrale di San Gervasio. Di fronte alla cattedrale c’è una vasta piazza con al centro un parco dal quale si può assaporare il clima della città, sembra quasi di essere tornati in un’altra epoca. Noi siamo poi stati liberi di visitare la città alla ricerca di souvenir, e ci siamo imbattutti in un piccolo negozio con un’uscita sul retro, dove nascoste in un giardino, c’erano delle capanne in cui veniva lavorato il cacao.

 

035
Cattedrale di San Gervasio, Valladolid
034
Plaza e parque Francisco Cantòn, Valladolid

 

Dopo pranzo, ci siamo diretti verso le rovine di Chichén Itza.  Il sito è vasto e fa parte del patrimonio UNESCO. Inoltre la sua piramide è annoverata tra le sette meraviglie del mondo moderno. A farci da guida per queste rovine c’era un ragazzo del luogo, nonchè storico, veramente bravo ed appassionato. All’interno ci sono varie bancarelle dove abbiamo potuto contrattare prezzi davvero convenienti per i nostri acquisti, al contrario dei bar che si trovano appena dentro il sito che hanno prezzi molto elevati. Vi sconsigliamo assolutamente di visitare il sito nelle ore più calde perchè l’umidità ed il calore sono veramente elevati ed è quasi impossibile ripararsi all’ombra durante l’intera visita. Nel sito troverete numerose rovine religiose, il più grande campo da gioco della pelota e meglio conservato della riviera Maya e anche dei cenotes sacri. Speriamo che questa esperienza vi rimanga nel cuore, così come è successo a noi.

 

039.JPG
Piramide di Chichén Itza

 

Consigli:

Il nostro consiglio è di soggiornare a Playa del Carmen, il punto più centrale da cui parte la visita a tutte le rovine.

Come spesso ripetiamo, le escursioni acquistate in villaggio hanno un prezzo più elevato e non necessariamente una qualità superiore di quelle acquistate in loco. I tour operator locali sono spesso ragazzi del luogo che mettono passione in quello che fanno.

Dotatevi di repellente e di protezione solare prima di qualsiasi escursione.

La riviera Maya ha un clima tropicale e caldo per tutto l’anno, il periodo migliore per organizzare un viaggio va da novembre a febbraio, quando il clima è più secco e fresco. Da Marzo a Maggio il caldo comincia ad aumentare gradualmente fino a raggiungere il culmine tra i mesi di Giugno e Ottobre che costituiscono anche la stagione delle piogge.

Buon viaggio e

Welcome Trouble

Ste e Francy